Duomo di Siracusa – sito UNESCO

Duomo di Siracusa

DUOMO DI SIRACUSA – SITO UNESCO

 

Il Duomo di Siracusa sorge sulla parte più elevata dell’isola di Ortigia. In origine era un tempio in stile dorico, dedicato alla dea Atena dai greci-sicelioti, nel V secolo a.C.

Simbolo della città, l’edificio religioso è entrato a far parte dei Patrimoni dell’UNESCO nel 2005.

Oltre alle fondamenta d’origine greca, sono da menzionare la facciata, tipico esempio di barocco, nonché gli interni medievali di origine bizantina. Il Duomo di Siracusa conserva infatti diverse reliquie, statue e spoglie di Santi e dei nobili che abitarono la città.

Si presume che le fondamenta dell’antico tempio dorico di Gelone poggiassero su un edificio religioso in stile jonico, di ben più antica e rara fattura. E’ il primo Santuario costruito da San Paolo apostolo dopo la chiesa di Antiochia, come confermerebbero anche le imponenti catacombe, seconde soltanto a quelle di Roma, in zona Acradina.

Marciano fu il primo Vescovo della Cattedrale. Fu mandato direttamente da San Paolo a Siracusa nel 39 d.C. e si suppone che il corpo si trovi presso la cripta della chiesa di San Giovanni alle Catacombe.

Fu Ruggero I a ridare alla cittadinanza la sua chiesa, nel 1093, ripristinando il vescovado e innalzando i muri della navata centrale presso cui vennero ricavate delle aperture a mò di finestre. I terremoti del 1542 prima e quello del 1693 distrussero gli elementi architettonici normanni.

Duomo di Siracusa nel 1928

La facciata del Duomo di Siracusa è la rappresentazione più alta del Barocco di Siracusa. Sul sagrato vi sono le statue degli apostoli Pietro e Paolo.

L’altare maggiore del Duomo di Siracusa ha una struttura composta da colonne corinzie e da un grande crocifisso bizantino posto al centro. Il crocifisso proviene dalla Chiesa siracusana di San Giovanni alle Catacombe.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *