Anfiteatro Romano

Anfiteatro Romano
L’anfiteatro romano è il terzo più grande d’Italia dopo il Colosseo e l’Arena di Verona. E’ una grande costruzione d’età romana imperiale dalla lunghezza di m. 140 e dalla larghezza di m. 119.
L’anfiteatro romano rimase interrato per molti secoli e fu riportato alla luce nel 1839 dal duca di Serradifalco.
È in gran parte scavato nella roccia e per la costruzione della parte nord orientale si è sfruttato il pendio della balza rocciosa. Dalla stessa balza sono erano state ricavate la cavea del teatro greco e le grandi latomie del Paradiso, di S. Venera e dell’Intagliatella. Gli spagnoli nel 1500 hanno completamente distrutto la parte in alzato.
Si trova nella zona archeologica, che comprende il Teatro greco e l’ara di Ierone II.
Il monumento ha forma ellittica, i due ingressi che immettono nell’arena si trovano alle estremità dell’asse maggiore. L’arena è circondata da un alto podio, sotto cui scorreva un corridoio  le cui porte laterali permettevano l’ingresso nell’arena dei gladiatori e delle belve. Vi è una immensa gradinata, costituita da una parte inferiore scavata nella roccia e  una parte superiore costruita a elevazione. Le scalette di accesso alla gradinata dividono la cavea in settori. È ancora possibile notare le iscrizioni sulla pietra che fungevano da segnaposto.
In alto vi sono altri due ambulacri coperti da una volta.
Dall’anfiteatro, inoltre, provengono quattro frammenti in calcare pertinenti ad una grande iscrizione monumentale.
Biglietto ingresso al Parco archeologico € 10,00 – ridotto (18/25 anni e docenti) € 5,00 – sotto i 18 anni ingresso libero
Biglietto cumulativo Parco archeologico + un museo a scelta tra Paolo Orsi o Galleria Palazzo Bellomo € 13,50 – ridotto € 7,00 – sotto i 18 anni libero
orario apertura Parco archelogico: 8,30 – 18,30
Aperto tutti i giorni domenica e festivi compresi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *